SICILIA, DA ISTITUTO ZOOPROFILATTICO PIANO CONTRO IL RANDAGISMO

SICILIA, DA ISTITUTO ZOOPROFILATTICO PIANO CONTRO IL RANDAGISMO

58
CONDIVIDI
randagio3.png

Dati preoccupanti: 60mila randagi nell’isola

L’Istituto zooprofilattico sperimentale della Sicilia collaborera’ con il Comune, l’Asp e l’universita’ di Palermo nella lotta al randagismo. Cuccioli abbandonati accanto ai cassonetti, branchi di cani che si moltiplicano nelle periferie e aggressioni che non tendono a diminuire. La situazione e’ critica in Sicilia. Le ultime stime del ministero della Salute forniscono un quadro allarmante del fenomeno. Solo nel capoluogo sono circa 5 mila i randagi, 60 mila in tutta l’isola. I piani di controllo delle nascite, attraverso la sterilizzazione, spettano ai Comuni. “All’Istituto – hanno spiegato il commissario straordinario dell’Izs, Salvatore Seminara e il direttore sanitario, Santo Caracappa – previe autorizzazioni, potremo ospitare i servizi veterinari dell’Asp, che potranno effettuare le sterilizzazioni dei cani, al fine di favorire lo sgombero del canile municipale di Palermo, che deve essere ristrutturato”.

Commenti

commenti