BENVENUT0, FELIX

BENVENUT0, FELIX

541
CONDIVIDI
gattocorriere.jpg

BENVENUTO FELIX

I tempi per adottare un gatto sono propizi. Le feste si avvicinano e gli abbandoni sono frequenti. Quindi perché non compiere un insolito gesto altruista e fare una bella visita ad un gattile per accogliere nella propria famiglia un gatto o anche meglio due. Perché gli animali non si comprano, si adottano. Stabilito questo, quando si va in un qualsiasi affollato rifugio per animali, lo si deve fare tutti uniti, dai più piccoli ai più grandi pronti insieme per cominciare una nuova storia d’amore. Si dice che siano i gatti a sceglierci. Personalmente credo proprio sia così. Io vivo con tre gatti al momento e in passato hanno fatto parte della mia vita altri tre. Mi hanno sempre scelta, si sono fidati di me e hanno scelto di venire a stare a casa mia. Quindi quando una famiglia si aggira per il gattile, è giusto che ognuno si accucci e si lasci annusare dai vari mici, li accarezzi, insomma li conosca con rispetto e dolcezza. Ce ne sarà poi uno grande o piccolo, nero o bianco, magro o grasso che vi seguirà e si struscerà su qualcuno di voi più degli altri. Sì, vi farà gli occhioni dolci, tipo gatto con gli stivali, per intenderci. A questo punto potrete prenderlo in braccio e con i vostri cari porgergli il trasportino ed andare finalmente a casa. Beh, una volta a casa le emozioni che avrete saranno contrastanti: dal panico su dove metterlo e come evitare che i pargoli gli tirino la coda, all’euforia per il vostro nuovo amico. Vediamo di razionalizzare il momento magico e fare un piccolo prontuario sul da farsi. Ricordatevi che voi, sì, state affrontando una situazione nuova, ma anche Felix ha bisogno di tempo per adattarsi non solo a voi, la famiglia, ma anche alla casa agli odori etc. Datevi reciprocamente del tempo per conoscervi.
Fate uscire Felix dal trasportino prima in un piccolo ambiente con la porta chiusa e senza pericoli, che possono essere finestre o cavi da mordicchiare. Mettetegli una lettiera, della pappa e dell’acqua. Questo ambiente sarà sufficiente per lui per almeno un giorno. Poi, piano piano, fategli conoscere il resto della casa, dandogli il tempo di ambientarsi. Stabilite da questo momento dove sistemerete la sua lettiera e il cibo, perché i gatti sono abitudinari.
Sarete sempre accompagnati dai consigli del vostro veterinario, ma scoprirete che le regole le stabilirete insieme con Felix. Per esempio, “non voglio il gatto sul letto, ma miagola davanti alla porta”, dopo una settimana diventerà “dormiamo avvinghiati tutta notte”. Oppure “quella poltrona è solo mia Felix non deve salirci”, diventerà dopo poco “stiamo in sette sul divano quello è il suo posto preferito”. Se non volete che salga sul tavolo mentre voi cenate, non urlategli o non cacciatelo via, semplicemente trovategli in cucina vicino a voi un luogo da dove possa osservarvi e dividere con voi quel momento.
I gatti non amano i rumori forti, perciò cercate di evitarli. L’aspirapolvere non accendetegliela sotto i baffi, non rivolgetevi mai a loro urlando, perché non avrete alcuna credibilità in più nei confronti della nuova autorità di casa vostra: Felix!

Commenti

commenti