DIAMOCI UN TAGLIO

DIAMOCI UN TAGLIO

96
CONDIVIDI
gattosiamese.jpg

Unghie affilate come rasoi? In effetti gli artigli dei gatti sono delle ottime armi di difesa di offesa in natura, ma per quelli che vivono in appartamento un bel taglio ogni tanto risolve molti problemi. Se ad esempio ci sono più gatti che convivono, giocando o lottando con le unghie lunghe possono procurarsi tagli e graffi più o meno profondi che richiedono a volte la semplice disinfezione, nei casi più gravi il parere del veterinario e la somministrazione di antibiotici. Un altro inconveniente consiste nella pratica felina di affilarsi le unghie su tende, divani o tappeti. Accorciando l’artiglio si contengono i danni.
Le unghie dei gatti crescono molto velocemente, possono variare a seconda del soggetto e della sua età, ma controllarle periodicamente permette di definire il momento migliore per il taglio. Io, per esempio, ai miei tre gatti faccio una manicure di gruppo una volta al mese. Prima di tutto bisogna avere le forbicine apposite, che troverete presso i negozi specializzati per animali. Poi vi consiglio per la prima volta di farvi insegnare dal vostro veterinario. Identificare il punto esatto dove tagliare l’unghia è importante per evitare di farla sanguinare avendola tagliata troppo. L’artiglio in molti gatti cresce al punto di incurvarsi. Bisogna premere leggermente i cuscinetti della zampa per fare fuoriuscire l’artiglio e effettuare un taglio verticale rispetto all’unghia stessa. Si taglia solo la fine dell’unghia la parte più chiara e sottile.
In questi momenti è necessario che il micio sia fermo, e quindi se non riuscite da soli fatevi aiutare. In effetti non a tutti i gatti piace questa pratica e sicuramente nessuno di loro la comprende. Per esperienza personale però posso dirvi che se abituate il gatto sin da piccolo, lo fate con calma senza agitarlo, lo tenete fermo e dopo lo gratificate con una crocchettina sfiziosa, tutto filerà liscio e lui asseconderà la manicure. I miei sono abituati e anche se quando mi vedono estrarre il tronchesino tentano la fuga, poi stanno comodamente seduti a zampe all’aria fino alla fine del trattamento. Per i più agitati fate in due questa operazione. Uno terrà il micio sulle sue gambe e gli batterà con il dito indice piano sulla testa per intorpidirlo (trucchetto che mi ha insegnato il mio veterinario) e l’altro taglierà le unghie.

Commenti

commenti