CYBERSPIONAGGIO, ANCHE L’ON. BRAMBILLA TRA I BERSAGLI

CYBERSPIONAGGIO, ANCHE L’ON. BRAMBILLA TRA I BERSAGLI

52
CONDIVIDI
mvbcane.jpg

C’è anche l’on. Michela Vittoria Brambilla, ex ministro del Turismo nel IV governo Berlusconi e presidente della Lega Italiana per la Difesa degli Animali e dell’Ambiente, tra le personalità vittime della massiccia attività di cyberspionaggio organizzata dai due fratelli Giulio e Francesca Maria Occhionero, arrestati oggi nel corso di un’operazione condotta dalla Polizia postale e coordinata dalla Procura di Roma.
”Chiaramente – commenta la deputata – siamo di fronte ad un gravissimo tentativo di interferire nella vita pubblica del nostro paese attraverso sistematiche violazioni della privacy. ”Le ”vite degli altri” devono restare ”degli altri” e ringrazio i magistrati e la polizia postale per aver riaffermato, nel più concreto dei modi, questo principio di libertà e di civiltà. Sono consapevole delle limitazioni che la privacy di un personaggio pubblico deve subire, ma vi sono confini insuperabili e diritti garantiti a tutti i cittadini che non si possono violare. Quanto alle mie e-mail, la prima cosa che ho pensato è stata: ”Che noia leggersele tutte! Speriamo almeno qualcuno le abbia usate per familiarizzarsi con le tematiche animaliste, notoriamente al centro del mio impegno sociale e politico”.

Commenti

commenti