USA, IL “RE” DEI CIRCHI GETTA LA SPUGNA: BARNUM CHIUDE

USA, IL “RE” DEI CIRCHI GETTA LA SPUGNA: BARNUM CHIUDE

174
CONDIVIDI
leonessacirco.png

Dopo 146 anni, cala il sipario su quello che i proprietari amavano definire “Il più grande spettacolo del mondo.” La società titolare della Ringling Bros. e Barnum & Bailey Circus ha dichiarato all’Associated Press che nel mese di maggio avrà luogo l’ultimo spettacolo. Il circo è stato affondato da una varietà di fattori, dicono i dirigenti della società. Il calo di presenze combinato con elevati costi di gestione, il cambiamento dei gusti del pubblico e le battaglie prolungate con i gruppi per i diritti degli animali hanno contribuito alla sua scomparsa. “Non c’è una ragione sola”, ha detto Kenneth Feld, presidente e CEO di Feld Entertainment. “Questa è stata una decisione molto difficile per me e per tutta la mia famiglia”. L’azienda ha dato la notizia ai dipendenti del circo sabato sera, dopo gli spettacoli di Orlando e Miami. Ringling Bros. ha due circhi itineranti in questa stagione che continueranno ad esibirsi in 30 spettacoli tra oggi e maggio. Gli stop immediati riguardano Atlanta, Washington, Philadelphia, Boston e Brooklyn. Gli spettacoli finali saranno a Providence, Rhode Island, il 7 maggio e a Uniondale, New York, al Nassau County Coliseum il 21 maggio.
Il circo, con i suoi animali esotici, costumi appariscenti e acrobati che sfidano la morte, è stato un punto fermo nello show business americano a partire dalla metà del 1800. Phineas Taylor Barnum aveva creato uno spettacolo itinerante di animali e di fenomeni umani poi definiti “da baraccone”, mentre i cinque fratelli Ringling eseguivano numeri di destrezza e comici in Wisconsin. Dalla loro fusione nacque il colosso che ora getta la spugna.
Nel maggio del 2016, Ringling aveva portato tutti i suoi elefanti in una proprietà della Florida centrale: quaranta elefanti vivono presso il Centro per la Conservazione degli elefanti nella contea di Polk. Ma il circo ha ancora molti altri animali, come leoni, tigri, cammelli, asini, alpaca, canguri e lama. L’amministratore delegato Juliette Feld promette di trovare rifugi per gli animali, ma la società continuerà a gestire il Centro per la Conservazione degli elefanti.
Solo una piccola parte dei circa 500 dipendenti potrà essere ricollocata in altri show prodotti dalla compagnia, come Disney on Ice e Marvel live.
Cantano vittoria gli animalisti di Peta, per la chiusura del “più triste spettacolo del mondo”, e in una nota commentano: “La società è cambiata, gli occhi aperti, la gente ora conosce gli animali del circo, e sappiamo che è sbagliato catturarli e sfruttarli”.

Commenti

commenti