ARGENTINA, SCIMPANZÉ CECILIA È UNA PERSONA E HA DIRITTO DI VIVERE LIBERA

ARGENTINA, SCIMPANZÉ CECILIA È UNA PERSONA E HA DIRITTO DI VIVERE LIBERA

709
CONDIVIDI

Ha vinto la causa e ora vive libera in una grande riserva in Brasile. Lei è Cecilia, scimpanzè di 19 anni dello zoo di Mendoza che, come riferisce Repubblica, è stata definitivamente liberata e trasferita a Sorocaba, nello Stato di San Paolo, dove potrà vivere libera insieme ad altri cinquanta suoi simili. Se ciò è stato possibile è perché una giudice argentina ha deciso di applicare il principio dell’habeas corpus che nella dottrina anglosassone tutela l’inviolabilità della persona. Un principio che, per la prima volta, è stato applicato anche a un primate. La causa per Cecilia era stata aperta da una Ong locale perché la scimpanzé, dopo la morte di due suoi compagni, viveva da sola nella gabbia dello zoo, “depressa dalla solitudine, in pochi metri di spazio”. Ora le ong che si occupano di tutela degli animali definiscono “storica” la sentenza e sottolineano come “anche i primati non umani hanno diritto a leggi specifiche che li proteggano dalla commercializzazione e dagli affari dei giardini zoologici riconoscendo i loro diritti di base”. Nella sentenza la giudice Maria Alejandra Mauricio aveva spiegato come “non è possibile negare che questi grandi primati, come gli scimpanzé, sono esseri senzienti, e per questo soggetti a diritti non umani. Come quello fondamentale a nascere, vivere, crescere e morire nell’ambiente proprio alla loro specie. Non sono oggetti da esposizione come accade negli Zoo neanche fossero opere artistiche create dall’uomo”.

(Foto da Twitter Gap Project)

Commenti

commenti