ABRUZZO, I NAS SALVANO 40 AGNELLI

ABRUZZO, I NAS SALVANO 40 AGNELLI

23
CONDIVIDI
agnelli.png

Quaranta agnelli salvati dall’imminente macellazione abusiva, un’attivita’ clandestina scoperta e sequestrata ed uno stabilimento di macellazione e sezionamento chiuso per totale assenza di requisiti igienico sanitari. E’ il bilancio dei controlli eseguiti in Abruzzo dai Carabinieri del Nas di Pescara che, con il prevedibile incremento dei consumi di carne per le festivita’ di Pasqua, hanno intensificato le ispezioni per vigilare sulle corrette prassi igieniche, sulla tracciabilita’ degli animali e delle carni, sull’idoneita’ degli impianti di macellazione e sul benessere degli animali. In provincia dell’Aquila, al confine tra la Valle Rovereto e la Marsica, gli ispettori del Nas pescarese sono riusciti ad evitare l’abbattimento di 40 agnelli. Hanno localizzato un insediamento zootecnico, riconducibile a un’azienda agricola locale, in cui sono stati trovati circa 100 capi di razza ovina adulta, 40 di razza bovina e, appunto, i 40 agnelli. L’imperfetta identificazione dei capi di bestiame, fondamentale per la successiva rintracciabilita’ delle carni, ha imposto l’immediata adozione del provvedimento di vincolo sanitario a carico dell’intero allevamento

Commenti

commenti