OLANDA, DUE ARRESTI PER LE UOVA AL FIPRONIL

OLANDA, DUE ARRESTI PER LE UOVA AL FIPRONIL

279
CONDIVIDI
uovabatteria.jpg

Due dirigenti dell’azienda olandese Chickfriend, di Barnveld, sono stati arrestati nel quadro dell’inchiesta sull’utilizzo fraudolento dell’insetticida fipronil nell’allevamento di polli, all’origine dello scandalo delle Uova contaminate. Non e’ ancora chiaro quali siano le accuse contro i due dirigenti. Lo riporta l’edizione online del quotidiano olandese De Telegraaf. Nel corso della giornata sono state condotte anche otto perquisizioni.
Secondo quanto scrive l’agenzia di stampa Belga, Chickfriend e’ al centro del caso, cosi’ come la societa’ belga Poultry-Vision. I due amministratori di Chickfriend, arrestati in Olanda, Martin van B. e Mathijs IJ., pochi giorni fa avevano chiuso il sito web e la loro pagina di Facebook, e sembravano essere scomparsi nel nulla. Altre perquisizioni sono state condotte anche in Belgio, nelle zone di Campine e nelle Fiandre orientali, secondo quanto confermato dall’autorita’ giudiziaria di Anversa.
In Italia il Codacons chiede l’immediato inyervento del ministero della Salute. “Le istituzioni hanno assicurato che non risultano distribuite in Italia le Uova contaminate con fipronil, ma il Ministero puo’ affermare con altrettanta sicurezza che le Uova all’insetticida non siano state utilizzate per prodotti lavorati venduti nel nostro paese? – si domanda il presidente Carlo Rienzi – Oggi non esiste la possibilita’ di conoscere l’origine delle uova usate per i prodotti derivati come pasta, biscotti, dolci, maionese, salse, panini dolci, ecc. In tal senso il Ministero deve disporre, attraverso i Nas, controlli capillari sul territorio, verificando l’assenza del fipronil nei prodotti alimentari trasformati e bloccando l’ingresso in Italia di alimenti che potrebbero essere stati realizzati con Uova a rischio”

Commenti

commenti