TANZANIA, ANTRACE UCCIDE 42 IPPOPOTAMI AL PARCO NAZIONALE

TANZANIA, ANTRACE UCCIDE 42 IPPOPOTAMI AL PARCO NAZIONALE

51
CONDIVIDI
hipoptamo_hippopotamus_amphibius_zoo_de_ciudad_ho_chi_minh_vietnam_2013-08-14_dd_04.jpg

Un focolaio di antrace ha ucciso almeno 42 ippopotami nel famoso parco nazionale di Ruaha, nel sud della Tanzania, secondo le autorità. Christopher Timbuka, capo guardiano del parco, ha detto che indagini precedenti mostrano che gli animali selvatici sono stati uccisi dall’antrace, un’infezione causata dal batterio Bacillus anthraces. Secondo il funzionario i casi di morte sono stati rinvenuti in aree che ospitano gli ippopotami. “Mai così tanti ippopotami sono stati uccisi dalla malattia”, ha detto Timbuka, aggiungendo: “Abbiamo già inviato campioni delle loro carcasse al Laboratorio di chimica del governo per ulteriori indagini”. Ha citato la scarsità dell’acqua nel grande fiume Ruaha come uno dei fattori per uno scoppio della malattia nel santuario. L’assenza di acqua costringe infatti gli ippopotami a radurnarsi in alcuni punti chiave, aumentando la contaminazione. Tuttavia, ha aggiunto che sono state adottate misure per controllare la diffusione della malattia mortale nel parco di circa 20.226 chilometri quadrati, la dimensione simile a New Jersey. Finora il governo della Tanzania ha istituito una speciale task force volta a trovare una soluzione duratura per l’ecologia del grande fiume Ruaha. “La task force è mandata a garantire che l’acqua scorra nel fiume durante tutto l’anno”, ha detto il funzionario.

Commenti

commenti