TRENTO, 71ENNE MUORE IN INCIDENTE DI CACCIA. LAC: SOSPENDERLA SUBITO

TRENTO, 71ENNE MUORE IN INCIDENTE DI CACCIA. LAC: SOSPENDERLA SUBITO

43
CONDIVIDI
caccia3.png

Ucciso da un colpo di fucile di un cacciatore, mentre si mostravano l’un l’altro le armi nel primo giorno di caccia in Trentino. E’ così che in serata è morto un uomo di 71 anni a Vigo Rendena, nel contesto di una cena di cacciatori in una malga. Sull’episodio accaduto intorno alle 20, indagano i carabinieri. Si ipotizza un incidente.

“Il presidente della Provincia di Trento, Ugo Rossi, ha emesso una ordinanza contingibile e urgente, per il monitoraggio, l’identificazione e la rimozione di un orso pericoloso per l’incolumita’ e la sicurezza pubblica nei confronti della mamma orsa Kj2, uccisa da un forestale provinciale con una fucilata al collo, lasciando orfani due cuccioli di 8 mesi. Chiediamo che per altrettanti motivi di sicurezza pubblica sia chiusa la caccia, per evidente incompatibilita’ con la vita di persone e animali e per evitare inquinamento e disturbo su un territorio cosi’ bello”. Lo ha affermato in una nota Caterina Rosa Marino, della Lac (Lega Anti Caccia) del Trentino Alto Adige in relazione al sopra citato incidente di caccia. “A ogni stagione di caccia – sostiene l’associazione – abbiamo morti e feriti non solo tra i cacciatori, ma anche tra inermi cittadini intenti alle loro consuete pacifiche attivita’: tra gli appassionati di giardinaggio colpiti nei loro orti e giardini, o massaie che stendono il bucato”.

Commenti

commenti