PERMESSO PER CURARE IL CANE, ON. BRAMBILLA: “SONO MEMBRI DELLA FAMIGLIA”

PERMESSO PER CURARE IL CANE, ON. BRAMBILLA: “SONO MEMBRI DELLA FAMIGLIA”

244
CONDIVIDI

Il permesso retribuito concesso a un dipendente per la cura del cane ”è una bellissima notizia, soprattutto perché la decisione dà applicazione pratica ad un principio importantissimo: gli animali d’affezione sono e vanno considerati membri della famiglia a tutti gli effetti”. Lo afferma all’Adnkronos Michela Vittoria Brambilla, presidente della Commissione bicamerale per l’infanzia e l’adolescenza della Camera e presidente nazionale del Movimento Animalista. “Quindi – spiega Brambilla- la malattia dell’animale, se non esistono alternative per l’assistenza e per la cura, dev’essere effettivamente valutata come un grave motivo personale e di famiglia dai datori di lavoro. E’ un altro passo avanti verso la giusta considerazione degli animali da compagnia, che in un progetto di legge ho proposto di iscrivere nello stato di famiglia, e più in generale verso l’auspicabile revisione dello status degli animali anche nel codice civile”.

Commenti

commenti