CAMERA, PRESENTATE INTERROGAZIONI ANIMALISTE DELL’ON. BRAMBILLA

CAMERA, PRESENTATE INTERROGAZIONI ANIMALISTE DELL’ON. BRAMBILLA

10
CONDIVIDI

Al Ministro dell’istruzione, dell’università e della ricerca. – Per sapere – premesso che: nel libro di testo «Rossofuoco» di Rosa Dattolico, edito da «Ardea Web s.r.l.» e destinato alla classe terza della scuola primaria, è riportato, nella sezione «Racconto realistico», un esempio tratto dalla raccolta «Il cielo che si muove» di Mario Lodi; l’intento è evidente ente quello di educare i bambini ad un corretto approccio con il «diverso», ma il tentativo appare all’interrogante a dir poco maldestro. Nel brano citato, infatti, si legge testualmente: «Di gatti ne ho abbastanza mi piacerebbe un cane di razza». E ancora «Un giorno la gatta nera partorì quattro micetti e lo zio Piero li fece sparire»; è chiaro che il testo, contrariamente al suo scopo, di fatto propone un contenuto diseducativo, non rispondente ai principi, anche di legge, che orientano il corretto rapporto uomo-animale e il possesso responsabile degli animali da compagnia; il brano, infatti, evoca una distinzione ingiustificata tra animali di razza e meticci e soprattutto prospetta, come del tutto naturale ed accettabile, la possibilità di «far sparire», cioè di uccidere, dei cuccioli di gatto allontanati dalla madre prima dello svezzamento; Nel brano citato, infatti, si legge testualmente: «Di gatti ne ho abbastanza mi piacerebbe un cane di razza». E ancora «Un giorno la gatta nera partorì quattro micetti e lo zio Piero li fece sparire»; è chiaro che il testo, contrariamente al suo scopo, di fatto propone un contenuto diseducativo, non rispondente ai principi, anche di legge, che orientano il corretto rapporto uomo-animale e il possesso responsabile degli animali da compagnia; il brano, infatti, evoca una distinzione ingiustificata tra animali di razza e meticci e soprattutto prospetta, come del tutto naturale ed accettabile, la possibilità di «far sparire», cioè di uccidere, dei cuccioli di gatto allontanati dalla madre prima dello svezzamento. L’«effettiva educazione degli alunni in materia di etologia comportamentale degli animali e del loro rispetto, anche mediante prove pratiche».

Commenti

commenti