CATANZARO, MOVIMENTO ANIMALISTA: USATI PER PET THERAPY GLI ANIMALI DEL “MOSTRO” DI...

CATANZARO, MOVIMENTO ANIMALISTA: USATI PER PET THERAPY GLI ANIMALI DEL “MOSTRO” DI GIZZERIA

57
CONDIVIDI
canemaltrattato.png

«Non saranno abbattuti gli animali del “mostro” di Gizzeria». Lo rende noto una comunicazione del Movimento animalista di Catanzaro che, nel ringraziare il sindaco della città, ha spiegato che è stata accolta la richiesta di sospensione dell’ordinanza che prevedeva l’abbattimento degli ovini e dei caprini rinvenuti nei pressi dell’abitazione dell’uomo accusato di aver segregato e sottoposto a violenze lunghe un decennio la giovane compagna straniera e i due figli.

«Nel casolare, Aloisio Giordano teneva con sé anche 5 cani adulti e 4 cuccioli, ovini , caprini e galline. Il Movimento animalista toccato dal caso – precisano – si è attivato, affinchè avessero una giusta ed adeguata sistemazione anche gli animali. In particolare, grazie anche alla sensibilità e alla professionalità del sindaco Pietro Raso e dei Carabinieri di Gizzeria, coordinati dal maresciallo Gianluca Troiano, non saranno abbattuti ma monitorati dal punto di vista sanitario dalla Asp di Catanzaro ed eventualmente affidati come animali di affezione o per il loro utilizzo nella pet therapy».

«Il Movimento -conclude la responsabile di Catanzaro, Cristina Valeri – è per il rispetto della vita in tutte le sue forme e considera tutti gli animali come esseri senzienti. Non aver abbattuto gli ovini e caprini, probabilmente anch’essi oggetto di maltrattamenti e crudeltà rappresenta un passo in avanti nella nostra cultura che ogni giorno di più riconosce come obiettivo la tutela dei soggetti più deboli e in particolare di coloro che non hanno neppure la voce. Siamo qui per dare loro una speranza di vita».

(Foto di repertorio)

Commenti

commenti