SVIZZERA, VIETATO GETTARE ARAGOSTE VIVE NELL’ACQUA BOLLENTE

SVIZZERA, VIETATO GETTARE ARAGOSTE VIVE NELL’ACQUA BOLLENTE

625
CONDIVIDI
This picture taken on April 19, 2017, shows a blue lobster at Oceanopolis, a sea center in Brest, western of France. Scientists say that this specimen is extremely rare : one lobster among 2 or 3 millions is of blue color. This color is due to a genetic anomaly that develops an excess of crustacyanine, name of this blue pigment. / AFP PHOTO / FRED TANNEAU

Basta crudeltà sulle aragoste. Il governo svizzero ha ordinato la fine della pratica di mettere il pregiato crostaceo ancora vivo nell’acqua bollente per cuocerlo e ha ordinato che sia prima stordito. Come elemento di una più ampia legge sulla protezione degli animali, la Confederazione ha deciso che dal primo marzo “la pratica di buttare le aragoste vive nell’acqua bollente, che è comune nei ristoranti, non sarà più permessa”. Le aragoste “saranno stordite” prima di entrare in pentola. Per praticare questo stordimento, secondo quanto riferisce la Radiotelevisione svizzera, saranno consentiti lo shock elettrico e la “distruzione meccanica” del cervello dell’aragosta. Secondo i sostenitori dei diritti animali e alcuni scienziati, le aragoste e gli altri crostacei hanno sistemi nervosi sofisticati e quindi sentono dolore se bolliti vivi. La nuova norma, inoltre, vieta il trasporto di crostacei marini vivi, come le aragoste, in ghiaccio o acqua gelida, stabilendo che dovranno essere “sempre tenuti nel loro ambiente naturale”.

Commenti

commenti