GEN. RICCIARDI (CUFA): UCCIDERE UN LUPO È COME COMMETTERE OMICIDIO

GEN. RICCIARDI (CUFA): UCCIDERE UN LUPO È COME COMMETTERE OMICIDIO

441
CONDIVIDI
lupo.jpg

“Con la trasformazione dei Forestali in Carabinieri abbiamo un vantaggio: non siamo piu’ in 7-8mila ad occuparci di reati sugli animali e sull’ambiente, ma 110mila. Noi come Cufa operiamo molto sui territori assieme ai corpi forestali regionali, siamo un sistema unico. Rispetto alla nuova cultura che si deve affermare tra i Carabinieri forestali credo che l’uccisione di un lupo debba essere considerata come l’omicidio di un uomo. Il salto di qualita’ che dobbiamo fare nel futuro e’ l’unione tra cultura di polizia e cultura ambientalista”. Lo ha detto il comandante del Cufa, generale Antonio Ricciardi, al termine del convegno di presentazione del Rapporto Zoomafia 2018 ‘Crimini e animali’, realizzato dall’Osservatorio Zoomafia della Lav con il patrocinio del Comando Generale dell’Arma dei Carabinieri, con cui la Lav ha siglato un protocollo d’intesa per rafforzare prevenzione e contrasto dei reati a danno di animali, e della fondazione Antonino Caponnetto.

Commenti

commenti