INCENDI, LIPU ED ENPA: FERMARE SUBITO LA CACCIA

incendio.jpg

 “La richiesta dello stato di emergenza da parte di vari governatori, dopo la spaventosa serie di incendi che ha colpito gran parte del Paese, non può che estendersi agli animali selvatici. È piena emergenza anche per loro ed è necessario agire: governo e regioni emanino subito i provvedimenti di posticipo dell’apertura della caccia, per dare sollievo alla fauna duramente provata”.

Lo dichiara la Lipu-BirdLife Italia a proposito dell’emergenza incendi che sta perdurando ormai da oltre un mese in diverse regioni italiane.

“Oltre ai danni al patrimonio e alle persone, ad essere colpiti sono stati habitat naturali come boschi e arbusteti. Ciò significa una serie di conseguenze negative per numerose specie di uccelli e altre specie animali come rettili e piccoli mammiferi che in quegli habitat trovano luoghi essenziali per la propria riproduzione e sopravvivenza. Ai danni da incendi va poi ad aggiungersi la prolungata siccità, che aggrava la situazione ambientale, ritarda il ripristino di una condizione accettabile e influisce ulteriormente, in senso negativo, sulle condizioni degli animali selvatici.

“Un quadro grave e complesso, che la legge 157/92 sulla tutela della fauna ha tuttavia previsto, dando a Stato e regioni gli strumenti normativi per intervenire in casi simili. Tra questi, il comma 1 dell’articolo 19, che consente alle regioni di “vietare o ridurre per periodi prestabiliti la caccia per sopravvenute particolari condizioni ambientali”, ad esempio da calamità come gli incendi, e il comma 1bis dell’articolo 1, che permette allo Stato di adottare le misure necessarie per tutelare le popolazioni di tutte le specie di uccelli.

“Appare francamente impensabile che dai primissimi giorni di settembre, in un “clima infuocato” in tutti i sensi come quello che l’Italia sta vivendo, il territorio naturale e la fauna possano essere assoggettati nel giro di poco più di un mese alla pressione di 800mila cacciatori, con tutti i rischi ambientali e gli impatti naturalistici che ciò comporta.

Per questo attendiamo da un momento all’altro che il Presidente Gentiloni si attivi per un provvedimento d’urgenza di posticipo almeno al 15 ottobre della stagione venatoria, sulla base, tra le altre cose, del citato articolo 1 della legge 157. Ciò, anche considerando che il Governo, nello svolgimento dei propri compiti di tutela del patrimonio naturale nazionale, possa intervenire a difesa della fauna selvatica, adottando in situazioni eccezionali come questa lo strumento dell’ordinanza contingibile e urgente, secondo quanto già avvenuto in passato (in quel caso per condizioni di freddo intenso) e fondatamente sentenziato dalla Corte costituzionale (sentenza 289 del 1993).

“Al tempo stesso, ci attendiamo che facciano altrettanto i governatori almeno di Calabria, Campania, Sicilia, Sardegna, Lazio, Liguria, sulla base del citato articolo 19, comma 1, della legge 157.

“In questo momento difficile per il territorio italiano, non dimentichiamoci di chi di quel territorio fa parte a pieno titolo – gli animali selvatici – e sta soffrendo non meno di altri, sebbene ingiustamente ai margini dell’attenzione pubblica”.

Dello stesso parere anche l’Ente Nazionale protezione animali. «Le fiamme – spiega l’associazione – sono state appiccate nel pieno della fase riproduttiva della fauna selvatica. Ciò significa che sono morti moltissimi esemplari in giovane età, bloccando così quel ricambio generazionale tanto importante per preservare le popolazioni di selvatici. Poiché l’esigenza di conservazione è, a norma di legge, prioritaria rispetto all’attività venatoria, che rappresenta una mera concessione, il Governo fermi in via precauzionale la stagione 2017/18 e promuova studi finalizzati a quantificare e a riparare ai danni subiti dalla fauna».

(Foto di repertorio)

 

Tag: animali, incendi
Condividi su
Facebook
Twitter
WhatsApp
Email

Editoriale

Editoriale
LA “LAUDATE DEUM” E I PASSERI DELL’EVANGELISTA
di Danilo Selvaggi* “Laudate Deum”, la nuova Esortazione apostolica di Papa Francesco, rappresenta un aggiornamento dell’enciclica “Laudato si”, di cui ...
Torna in alto