MOLISE, TOMA: SU RANDAGISMO REGIONE IN RITARDO

randagio3.png

“Il Molise conosce un pauroso ritardo in tema di tutela e protezione degli animali d’affezione e sconta un ritardo culturale pesante. Molto poco e’ stato fatto, e in maniera scarsamente incisiva, per debellare l’odioso fenomeno del randagismo e per promuovere una cultura del rispetto dell’animale, di qualunque specie esso sia”. Lo afferma Donato Toma, candidato alla carica di governatore alle elezioni regionali del 22 aprile, evidenziando che “occorre intervenire, anzitutto, con campagne informative che sensibilizzino i cittadini sulla necessita’ di sterilizzare i propri animali, prevedendo anche forme di convenzione con gli studi veterinari, e con azioni forti ed incisive, concordate con il competente Ministero della Sanita’, volte a controllare ed eliminare l’odioso fenomeno del randagismo”. Qualora eletto, “ci adopereremo affinche’ ogni comune molisano si doti di un Regolamento tutela animali che segua ed implementi le linee guida introdotte dalla legge regionale 7/2007 ed il Regolamento regionale 1/2006”. Riguardo alle strutture ricettive degli animali, “non solo vanno migliorate l’efficienza e la funzionalita’ di quelle esistenti, ma abbiamo intenzione di favorire la costituzione di consorzi fra enti locali per la creazione di punti di ricovero ed accoglienza intercomunali per cani e gatti”. Altri obiettivi fondamentali sono l’istituzione del Servizio sanitario veterinario regionale e l’attivazione di un numero unico telefonico per l’accesso al sistema di primo soccorso di animali d’affezione a seguito di incidente stradale. “Riteniamo strategico – ha concluso – il rapporto con le istituzioni scolastiche al fine di incentivare l’educazione civica e ambientale, e di riflesso il rispetto dei diritti degli animali, nei piani di studio”.

Tag: animali, randagismo, Toma
Condividi su
Facebook
Twitter
WhatsApp
Email

Editoriale

Editoriale
LA “LAUDATE DEUM” E I PASSERI DELL’EVANGELISTA
di Danilo Selvaggi* “Laudate Deum”, la nuova Esortazione apostolica di Papa Francesco, rappresenta un aggiornamento dell’enciclica “Laudato si”, di cui ...
Torna in alto