UE, APPELLO DI 26 ONG ANIMALISTE CONTRO IL TRAFFICO DI TROFEI

leone.jpg

Fra 2004 e 2013 importati 117mila esemplari

Lettera aperta di 26 associazioni ai ministri dell’ambiente dei 28 Stati Ue in occasione della Giornata mondiale della natura, perche’ affrontino seriamente il problema dell’import di trofei di caccia nell’Unione. Il messaggio cade alla vigilia del Consiglio ambiente Ue in cui la Commissione europea presentera’ ai 28 ministri dell’ambiente il suo piano contro il traffico delle specie selvatiche. Da Eurogroup for Animals a Ifaw e Born Free Foundation, le organizzazioni non governative ricordano che questo traffico coinvolge specie iconiche uccise per questi trofei di caccia, come elefanti africani, ippopotami, orso nero americano, leopardo e leone africano. Fra 2004 e 2013 gli europei hanno importato 117mila esemplari di fauna selvatica come trofei di caccia derivati da 87 specie fra quelle protette dalla Convenzione sul commercio internazionale delle specie di flora e fauna selvatica minacciate di estinzione (Cites). L’Italia compare fra i principali Paesi europei importatori con quasi 11.500 pezzi, dopo Spagna (21.798), Germania (19.079) e Francia (12.333). Una normativa Ue sui trofei di caccia, limitato solo a sei specie, prevede controlli e il rilascio di un certificato che consente l’import, ma il sistema non viene ritenuto credibile. Di qui l’appello perche’ i Paesi europei sospendano il rilascio dei certificati di import a tutti le specie minacciate, “almeno fino a quando non avvenga una revisione del sistema per determinare se si tiene conto delle attuali linee guida e considerazioni etiche”.

Tag: animali, trofei
Condividi su
Facebook
Twitter
WhatsApp
Email

Editoriale

Editoriale
LA “LAUDATE DEUM” E I PASSERI DELL’EVANGELISTA
di Danilo Selvaggi* “Laudate Deum”, la nuova Esortazione apostolica di Papa Francesco, rappresenta un aggiornamento dell’enciclica “Laudato si”, di cui ...
Torna in alto