ORDINANZA AFFAMA-RANDAGI A LECCO, ON. BRAMBILLA: “BENE LA MARCIA INDIETRO”

“Come altri sindaci che ci avevano provato in passato, anche il primo cittadino di Lecco innesta la marcia indietro sull’ordinanza che vieta di somministrare cibo agli animali selvatici e randagi. Mi auguro che la manovra sia completata e l’ordinanza sparisca del tutto”. Lo afferma l’on. Michela Vittoria Brambilla, presidente della Lega Italiana per la Difesa degli Animali e dell’Ambiente, commentando la decisione di “riconsiderare” il provvedimento dopo il 23 ottobre annunciata dal sindaco Mauro Gattinoni (centrosinistra). “Sul fronte legale – precisa la deputata – non ci fermiamo: abbiamo già presentato una richiesta di accesso agli atti, per capire su quali basi è stato adottato il provvedimento, e un’istanza di revoca in autotutela, perché l’amministrazione ritiri l’ordinanza senza se e senza ma. E ora speriamo che il sindaco si dedichi alla costruzione del canile, togliendo Lecco dall’imbarazzante primato di essere l’unico capoluogo di provincia del Nord Italia a non disporne. Struttura promessa, oltre che da lui, anche dalle due precedenti amministrazioni di centrosinistra del sindaco Virginio Brivio. Se poi l’attuale amministrazione – conclude – volesse praticare il metodo del dialogo con le associazioni, noi di LEIDAA volentieri mettiamo a disposizione la nostra esperienza nella gestione degli animali, randagi e selvatici”.

Tag: animali, brambilla, Gattinoni, Lecco, randagi
Condividi su
Facebook
Twitter
WhatsApp
Email

Editoriale

Editoriale
LA “LAUDATE DEUM” E I PASSERI DELL’EVANGELISTA
di Danilo Selvaggi* “Laudate Deum”, la nuova Esortazione apostolica di Papa Francesco, rappresenta un aggiornamento dell’enciclica “Laudato si”, di cui ...
Torna in alto