WET MARKET, AUSTRALIA: VIETARLI IN TUTTI I PAESI DEL G20

Vietare i mercati in cui si vendono animali selvatici vivi in tutti i paesi del G20. Questo quanto chiede il governo dell’Australia alle altre nazioni dei “grandi” della Terra. “Un ‘wet market’ come il mercato del pesce di Sydney è perfettamente sicuro”, ha spiegato il ministro per l’agricoltura, David Littleproud citato da Agi. “Ma quando aggiungi animali selvatici, animali selvatici ed esotici, e animali vivi questo comporta rischi e rischi di biosicurezza che arrivano all’entità che abbiamo visto. E infatti la Cina stessa denunciato alla World Organization for Animal Health che è stato proprio questo a causare il Covid-19”. I ‘wet market’, letteralmente ‘mercati umidi’ perché i pavimenti sono bagnati dal sangue versato a terra, sono i mercati in cui gli animali vengono venduti vivi in gabbia e poi macellati sul posto.

(Foto di repertorio)

Tag: animali, Australia, coronavirus, wet market
Condividi su
Facebook
Twitter
WhatsApp
Email

Editoriale

Editoriale
LA “LAUDATE DEUM” E I PASSERI DELL’EVANGELISTA
di Danilo Selvaggi* “Laudate Deum”, la nuova Esortazione apostolica di Papa Francesco, rappresenta un aggiornamento dell’enciclica “Laudato si”, di cui ...
Torna in alto