CACCIA ALLE BALENE: LE NAZIONI CONTRARIE ALLA RIAPERTURA

CACCIA ALLE BALENE: LE NAZIONI CONTRARIE ALLA RIAPERTURA

265
CONDIVIDI
balenotteraminore.jpg

E’ scontro tra le Nazioni contrarie alle baleniere, insieme agli ambientalisti, e i sostenitori della caccia alla balena per la proposta del Giappone di porre fine alla moratoria di 32 anni sulla caccia commerciale. Nell’incontro annuale dell’International Whaling Commission (Iwc) a Florianopolis, in Brasile, il Giappone ha proposto di istituire un comitato dedicato alla “caccia sostenibile”, tra cui quella commerciale e quella di sussistenza delle popolazioni aborigene. “La proposta ‘Way Forward’ del Giappone è falsa dal punto di vista procedurale e porterebbe la Commissione internazionale ai tempi in cui presiedeva operazioni insostenibili di caccia alle balene”, ha dichiarato Leigh Henry, del Wwf Usa.

Da parte sua, il Brasile ha proposto di creare un santuario delle balene nell’Atlantico meridionale. Nella giornata di martedì, 39 dei 67 Paesi partecipanti hanno sostenuto questa proposta, un numero però che non ha permesso di raggiungere la maggioranza di tre quarti necessaria per il suo passaggio. Gli Stati Uniti e l’Australia hanno convenuto che il divieto è necessario per la conservazione della specie. La Nuova Zelanda ha anche invitato la Commissione a non “fare un passo indietro” e a rafforzare gli sforzi per contrastare la caccia alle balene. Il Giappone aderì alla Convenzione internazionale per la regolamentazione della caccia alle balene nel 1951 e l’Iwc dichiarò la moratoria sulla caccia commerciale nel 1986.

 

Commenti

commenti